martedì 17 dicembre 2013

SHORT FAST & LOUD anniversary compilaton (10 inch)

My favourite song on this one is the CONQUEST FOR DEATH one, "short FAT & loud" because of the lyrical content:

"who are you to say i shouldn't take my shirt off in front of a crowd?

when it's a known fact i like my music short, fat & loud...
you'll never call someone a "fag" but you slag them off for being "fat"
enlightened to everything but sizeism...fuck that!
this is the hardcore scene not the pages of a fashion magazine
can't you accept people come in all different sizes
after all you've accepted everyone elses identities...short, fat and loud!"

and besides that, it's a whole good compilation.

Short, Fast & Loud is a twelve years old fanzine about rough music; initially published by Chris Dodge (Slap A Ham records, Stikky, Spazz, even earlier incarnation of No Use For A Name) it is actually run by Jeff & Athena (Six Weeks Records).
Tracklist stolen from another blog:


Short, Fast & Loud # 24 - ten year Anniversary issue w/ 10” compilation vinyl and zine, rippers from Larm, Coke Bust, Voetsek, Lack Of Interest, Seein Red, Brutal Truth, Extortion, Superbad, Noisear, Catheter, Enemies Of Inertia, Brodys Militia, Wasteoid, Pretty Little Flower, Slight Slappers, Street Pizza, Flagitious Idiosyncrasy In The Dilapidation, Conquest For Death, Torture Unit, Total Fucking Destruction, Gride {Czech} and Lahar {Czech} !!! 

Enjoy.
SHORT FAST & LOUD anniversary compilation

NUCLEAR WINTER abomination virginborn 7" ep (2003)

Greek death/black metal band.
Of course they got their name from a SODOM's song but the comparison ends there.
This is the repress of their first demotape on vinyl.
Note the label is called BLAST BEAT MAILMURDER.

+CHAPEAU+


Here you can find a review from Encyclopaedia Metallum.
I am pretty sure i got this one from Borys of RIPPING STORM records/distribution, so if you want to buy it, go for it.

Enjoy.
NUCLEAR WINTER abomination virginborn 7" ep

GAUZE prank ep (1997)


Historical japanese hardcore band. 
Born in 1981, they still kick asses.
JAPCORE? yes, indeed.
This one is self titled and on Prank records, 
hence the name.
Six songs, four japanese titles.
Enjoy.

GAUZE prank ep


CHECK OUT ZAS AUTOPRODUZIONE RECORDS/MAILORDER

hey, today i finally completed my order at ZAS RECORDS.
Marco Zas is one of my long time fastcore/grindcore "drug dealers", and he owns a lot of rezpect for the big effort he puts in what he does.
He is also a very nice guy and he has got A LOT of patience, trust me...
This is some the stuff i've just purchased , have fun and listen to diy grindcore/fastcore!


ZAS AUTOPRODUZIONI RECORDS












martedì 3 dicembre 2013

BEASTIE BOYS paul's boutique samples - COMPLETE!

Cazzo è un sacco di tempo che non scrivo nulla sul blog.

Oggi stavo preparando dei simpatici Ravioli alle alghe ripieni di crema agli anacardi
e mi sono accorto così, che ormai da due mesi non sto scrivendo nulla di nulla qua sopra.
In mezzo ci sono state duemila cose, come sempre.
Non si riesce proprio a vivere un attimo tranquilli eh? Ma va, sarebbe una noia mortale. Meglio l'ansia rispetto al nulla. Vediamo fin dove mi porterà.

I gruppi in cui suonavo si sono sciolti o sono in pausa; non frequento più le persone che ho frequentato fino ad un paio di mesi fa buoni; le strade si dividono, con qualcuno si tratta di un naturale percorso di crescita e di allontanamento naturale, mentre con altri è uno strappo dovuto all'incompatibilità data dagli attriti di ogni giorno, o quasi ogni giorno.
Gli interessi cambiano, si cresce (oppure no), ma soprattutto si smette di parlare. Quando questo accade, c'è poco da fare.
Succede anche dopo il matrimonio (o convivenza, o accensione di un mutuo, vedete un po' voi quello che preferite).
Con altre persone invece il discorso cambia: si fanno degli errori, ci si rende conto di quanto fatto e si tenta di recuperare.
Avere l'onestà intellettuale di ammettere di avere sbagliato è segno di crescita e di maturità, serve a capire meglio sé stessi e le persone, spesso completamente diverse da noi, con cui quotidianamente ci relazioniamo.
Questa volta ho preso una porta in faccia: non solo ho ammesso di aver sbagliato, ho anche aperto completamente i rubinetti interiori svuotando ogni dubbio e riserva alla tale persona e soprattutto su di lei medesima persona per ripartire da zero; ma non è servito. Anzi, la cosa ha peggiorato incredibilmente la situazione tanto da arrivare a scene imbarazzanti quando ci si incontrava in luoghi pubblici con amici comuni.
Inizialmente ci sono rimasto male; dopo un po' di tempo, mi sono accorto che non mi mancava nessuna di quelle persone quindi ho pensato

                                                       
                                 Esticazzi?


Altra cosa interessante è stato vedere persone che per anni hanno suonato (e suonano tuttora) in centri sociali e squat saltarsene fuori con frasi del tipo "eh ma le occupazioni cazzo...pensa se ti venissero ad occupare casa tua" (non so perché ma mi viene in mente mussolini e le bonifiche). Il problema è che molte persone il cervello lo usano solo per alzarsi ad accendere il computer quando devono farsi una sega su youporn; per tutto il resto ci sono mamma e papà pronti a prendere in mano la situazione quando la shit hits the fan.
Magari il mio discorso sembrerà quello di uno che la sta facendo lunga su quanto tempo è stato nel punk e blah blah blah e che adesso non è più come na volta ed invece no, anche una volta era così, nel senso che ai concerti beccavi teste di cazzo incredibili con idee reazionarie degne di mio nonno e che poi nella vita vota(va)no i peggio partiti destroidi. Il problema è quando non ti accorgi, e di tempo ne è passato, che con certe persone ci hai vissuto spalla contro spalla per ben quattro abbondanti anni.
Oh, alla fine ci sono arrivato eh???


Beh comunque ero passato di qua per farvi un saluto, per tirare un po' di merda a John della Massoneria Ramonica perché ha paragonato il mio ex gruppo ad un gruppo di merda e perché nei suoi ultimi post mi sembra che abbia perso la spontaneità e che se la stia tirando un po' troppo.

GO VEGAN and ascoltate della buona musica

BEASTIE BOYS the samples download!!!

sabato 19 ottobre 2013

DJ PANINO MIXTAPE take three - the groove is in the air


Here's another collection of tracks i'll be playing during my groovy sets.


Have fun and shake your ass!

DOWNLOAD

LO-FI LO-LIFE BLOG

THIS IS MY GREAT COMRADE HOVNZI'S BLOG...he runs a tape label, check this shit out


http://lofilolife.blogspot.it/

DRUG PROBLEMS blurred reality tape 2013

This is the band in which i used to play drums.
This demo ROCKS so you know you need to get a copy as fast as possible.


Meanwhile, listen to the tracks on the bandcamp page.
FUCK SHIT UP 
AND GET DRUGGED!

xFASTFESTx is back!!! SABATO 26 OTTOBRE 2013 - Imola @ Brigata 36 (ex- Peacemaker)



dopo due lunghi anni si torna!
grazie alla disponibilità del Brigata 36 (ex Peacemaker) di Imola anche quest'anno ci si scassa a base di fastcore thrash, death metal old scùl, 80's hardcore, skateboarding, cibo vegan, dischi, slam dance!

ecco i colpevoli di quest'anno:

YOU SUCK!
(ExIxAx fastcore attack! - Pulce back on the map!)
https://www.facebook.com/yousuckhc?fref=ts

ED
(bologna skatethrash Mesca back on track!)
https://www.facebook.com/EDx40033?fref=ts

DYSMORFIC
(Mantova!no compromise grindcore! di ritorno dal tour merregano)
https://www.facebook.com/dysmorfic.grindcore?fref=ts
http://www.facebook.com/dysmorfic.official

ANTARES
(from Appletown! a lethal dose of speedy punk rock'nroll oldschool!)
https://www.facebook.com/AlphaScorpiiRocknroll

SANTA BANANA
(Bologna! quanto tempo è che non li vedo dal vivo???)
https://www.facebook.com/pages/Santa-Banana/190546990980038?fref=ts

CROP CIRCLES
(Trento! con appena uscito un disco della MADONNA - ladra)
https://www.facebook.com/pages/CROP-CIRCLES/118680918873?fref=ts

UNDEAD CREEP
(bologna! suidiss' def medal con Cannolo)
https://www.facebook.com/UndeadCreep?fref=ts

FALSE FAITH 
(vicenza! boston '83 hardcore punk)



Info su prezzi, orari e varie a breve!

xxxTIME TO THINK, SKATE & DESTROY!xxx


evento FACEBOOK


venerdì 20 settembre 2013

DEATH ON/OFF reality is obscene 7"

  
I had a first contact with one of the band members some months ago and then we lost touch for a while. 
A couple of days ago i got this seven inch in the mail, and fuck god! this record smokes!

What we got here is a furious attack from this fieve piece coming from Ferrara (Italy). Ten original songs plus a cover form the '80s band IMPACT.
Actually, it seems that an Impact member is part of the brigade... I write "seems" because they all have fake names and presents themselves masked with balaclavas.
Their music is a sonic assault of old school grindcore, with many tempo changes and breakdowns; downtuned guitars and an overal awkward feeling. 
There is of course a hardcore vibe flowing thru the whole platter, and sometimes one of the singers is quite similar to Carcass' Jeff Walker.
Their image remind me of the earlier Comrades lineup/seven inch, even if the music is quite different.
Lyrically, they deal with hate filled political/social commentaries in typical grindcore style; they also have a song about people spending their time jerking off in front of a pc while having serious problem in real life relationships...I know there's a lot of frustrated people out there resembling the main character from "Taxi Driver", but anyway, i love my good dose of porn, dudes!
:-D

Death On/Off have many releases under their belt and actually are looking for a label to kick out their latest effort, so if you are into old school grindcore don't hesitate to write them and cooperate!
My copy is on green marble vinyl! 


One last question: who is the guy on the cover?


check their music through the soundcloud page:https://soundcloud.com/deathonoff/sets 

FACEBOOK page 

DISCHI GREZZI label



giovedì 19 settembre 2013

BANDANA THRASH vol. 1 (1999 - 625thrash)

Just noticed i had never shared this one before. 
This is one of the most influential records of my life; it's a flexi disc containing three japanese bands (FLASH GORDON, LIE and CRUCIAL SECTION) and an american one (WHAT HAPPENS NEXT?).
It happens to have the best stuff from all the bands - in my modest opinion - and  sonically, graphically and aesthetically it pawned the road for the whole "bandana thrash" concept/movement that developed since then. 
Eight tracks in total; a neverending barrage of hardcore thrash.
CRUCIAL SECTION is still playing today; check out their facebook page, they are on tour in Europe right now.
ENJOY!





BANDANA THRASH VOL. 1

625thrash website

CRUCIAL SECTION facebook page

lunedì 16 settembre 2013

GIULIA CIAULI intervista



La maggior parte delle interviste che circolano in rete o sulle punkzine sono rivolte a gente che suona. 
La scena chi la crea? Solo chi suona o anche chi ascolta/partecipa e, spesso, organizza senza produrre caos sonoro in maniera attiva?
Eccoci qua allora ad interrogare Giulia, una splendida 20qualcosa enne proveniente dalla provincia di Trento, che dopo un anno particolarmente travagliato (si può scrivere così?) ha deciso di mollare tutto, fare armi e bagagli, ed andarsene a vivere in Germania.
La crisi colpisce tutto e tutti, non risparmia nessun ambiente/circuito, e di conseguenza anche la scena punk hc non ne è immune.  
Soltanto questo mese ben tre coppie di amici stanno lasciando l'Italia per andare a cercare qualcosa di cui non vergognarsi al di fuori di questo merdaio a cielo aperto che è diventata l'Italia.
Chi come noi resta non può far altro che augurarle il meglio, e soprattutto di scassarsi di birra a prezzi ragionevoli e di concerti punk/metal come si deve.

La parola alla protagonista.

nome, età, provenienza: in poche parole, presentati (sii pure fantasiosa, non esistono limiti a quello che vorremmo essere)
 Ciao, mi chiamo Giulia, “Ciauli” per gli amici. Ho 21 anni e attualmente abito a Trento.
Vivo con la mia coniglietta, adoro condividere i miei ascolti musicali coi miei vicini di casa (sospetto che la cosa non sia reciproca), odio i Joy Division, i Bane mi fanno troppo cagare e il mio colore preferito non è il rosa.

 ti sei chiesta perché voglio intervistarti? Cosa hai pensato quando te lo comunicai, via sms?
Quando mi hai chiesto di potermi intervistare mi è venuto un po’ da ridere: mi sono venute in mente tutte quelle interviste fighe fatte ai personaggi “chiave” che hanno un sacco di storie da raccontare, e pensare anche solo per un attimo di essere messa sul loro stesso piano inizialmente mi ha messo in difficoltà.
Poi però ho pensato che sono la tua nipotina prefe, e magari qualche cagata vagamente interessante da dire ce l’ho anch’io.



come ti sei formata musicalmente? E come sei entrata in contatto con il circuito punkhardcore e con il diy? 
Da bambina andavo a frugare di nascosto tra i dischi e i nastri di musica classica di mio padre, gli rubavo sempre di tutto. Da quando chiesi a Babbo Natale di portarmi in regalo il cofanetto di Bizet, mio padre cominciò a prestarmi di spontanea volontà le sue opere e a portarmi a teatro.
A 12 anni ho cominciato a suonare il flauto traverso (cosa che faccio tutt’ora), e nello stesso periodo circa ho comprato i miei primi cd, ovvero Appetite For Destruction e The New Order. Indimenticabili, ancora oggi sono due dei miei album preferiti.
Quando mi sono trasferita a Trento per frequentare il liceo, ascoltavo una quantità spropositata di thrash metal e mia mamma era assolutamente convinta che il mio guardaroba total black rappresentasse una fase di ribellione temporanea.
Ovviamente si sbagliava.
Qualche anno dopo sono entrata in contatto con il Defenders Club, frequentazione durata davvero poco a causa di divergenze di varia natura (non musicale).
Circa 4 anni fa è successo che ho conosciuto la Pilvia, e per curiosità e anche un po‘ a caso ho cominciato ad andare ai concerti punk qui a Trento.
Ho cominciato a comprare qualche disco e pian piano ho conosciuto i ragazzi e le ragazze TNxHC e siamo diventati tutti amicissimi.
Sono rimasta subito affascinata da questa cosa meravigliosa che è il diy, per me fino ad allora sconosciuta. L’emancipazione e l’indipendenza sono sempre state due punti fondamentali della mia vita, e vederli portati su un piano pratico collettivo è stato molto significativo.

 
sei una donna in un mondo dominato dagli uomini. Quanto questa coa ha influenzato il tuo modo di rapportarti con l’esterno, in particolar modo all’interno della scena (ma non solo)? Ho notato che spesso ai concerti site in molte donne provenienti dalla tua città e dai dintorni, quindi mi è parso di capire che la rappresentanza femminile in quel di Trento sia elevata rispetto alla media nazionale…sbaglio?
Il fatto che la predominanza maschile sia netta non mi ha mai impedito di ritagliarmi un posto all’interno dell’ambiente in cui vivo, sia all’esterno che all’interno del giro.
Non sono affatto incline a farmi dire cosa fare dagli altri, men che meno dagli uomini, quindi ho sempre cercato di instaurare un rapporto equo, cosa che per mia fortuna è quasi sempre riuscita naturalmente.
Quando si ha a che fare con persone intelligenti, il proprio valore viene riconosciuto a prescindere dal genere.
Anticipando un po’ la prossima domanda, posso dire che il bello di vivere a Trento è che è un paesone, siamo tutti amici e ci troviamo spesso assieme. Certamente la stessa cosa vale anche tra noi donne: rispetto a Bologna o Milano siamo di meno, e forse proprio per questo ho la sensazione che siamo più unite, anche se qualcuna di noi vive in un’altra città o addirittura sta trascorrendo molti mesi oltreoceano.
Non siamo mai state “la ragazza di tizio”, siamo sempre state noi e basta.
Per quanto riguarda trasferte e concerti, la storia è la stessa: se non troviamo compagni/e di viaggio ci organizziamo per conto nostro e andiamo dove vogliamo. Io spesso viaggio da sola, insomma, mi rimbocco le maniche e mi arrangio.




ups & downs di trento e dintorni/ups & down della scena italica in generale
In tutte le grandi città vedo che ci sono diverse realtà, ogni locale ha il proprio collettivo, ci sono sempre gruppetti che decidono di frequentare un determinato giro piuttosto che un altro.. Le dinamiche sono decisamente interessanti, ma del tutto differenti dalle nostre.
Un altro aspetto positivo del vivere a Trento è che essendo relativamente pochi, evitiamo di frammentare il gruppo: è vero, le divergenze ci sono in qualsiasi ambiente, ma mi pare che tra di noi vengano superate senza difficoltà. C’è una grande intesa a livello umano, le persone sono sempre disposte a dedicare molto tempo a lotte sociali e politiche di interesse nazionale, alla diffusione di materiale informativo, al dibattito, all’organizzazione di eventi, etc.
Un enorme punto a sfavore è la mancanza di un luogo fisso dove organizzare concerti; più o meno tutti hanno sentito parlare dei concerti nei boschi, in riva al lago e allo skatepark, e senza dubbio sono alcuni tra i concerti più belli di sempre, però è innegabile che ciò implichi uno sforzo notevole in più a livello organizzativo.
Finché la bella stagione lo permette.
D’inverno ci destreggiamo tra il CG Aldeno e le varie sale comunali, tutto sommato troviamo sempre il modo per mantenerci attivi.
In Trentino c’è una discreta varietà a livello musicale, a fianco dei soliti gruppi hardcore capita che suonino anche gruppi di diversa estrazione, il che rende tutto più interessante ed eterogeneo.
Ci sono anche alcuni gruppi di ragazzi giovani, un po’ timidi ma sempre ben disposti a suonare e a fare un po’ di burdello.
Nel resto d’Italia non so esattamente come sia, come tu stesso hai detto sono una ex-pischella (neanche troppo ex), ci sono dentro da relativamente poco, non ho vissuto questo stallo come l’hanno vissuto tutti gli altri. O meglio, non l’ho proprio vissuto.
Le giovani leve che si sbattono non mancano (mi vengono in mente i ragazzi del T28), per il resto la questione dell’età anagrafica non mi tocca particolarmente.
Ultimamente sento spesso di nuovi gruppi, e quasi sempre si tratta di persone che suonano da un bel pezzo o che comunque hanno una certa esperienza alle spalle, raramente si tratta di ragazzini. Credo che ci sia molto disinteresse da parte dei più giovani, non si mettono in gioco, non hanno voglia di contribuire attivamente alla causa, in parte a causa dell’agio generale in cui vivono le ultime generazioni, come se fossero rinchiusi sotto una campana di vetro. Semplicemente hanno altre priorità.
Ovviamente ci sono delle eccezioni: ho appena scoperto che verso fine settembre a Trento si terrà un concerto benefit per P4F, organizzato da alcuni fanciulli locals, e a quanto pare suoneranno solo gruppi supergiovani.


qui entriamo un pochino nella sfera dei cazzi tuoi. Tramite sms ho saputo che hai deciso di andare via dall’Italia e di trasferirti ad Amburgo. Sei l’ennesima persona che fa questa scelta, e di sicuro non sarai l’ultima. Negli anni ho visto un mucchio di gente partire per l’estero per sfuggire ad una pressante ed asfissiante realtà locale che poco ha da offrire a chi ha voglia di fare qualcosa (fosse anche solo trovare un lavoro decente). Mi chiedo: come mai proprio Amburgo? Cosa ti aspetti di trovare e, cosa molto più importante, cosa hai intenzione di portare di tuo in quest’esperienza? So che possono sembrare domande filosofiche del cazzo, ma ho sempre invidiato chi ha avuto e tuttora ha la forza di prendere, partire e lasciarsi tutto alle spalle. Cosa che io non sono mai stato capace di fare.
Ho deciso di gettare al vento 3 anni di università e dare un bel calcio alla vita comoda che ho sempre avuto.
Non potrei immaginare una città migliore di Amburgo in cui trasferirmi: architettonicamente è davvero splendida, c’è una quantità incredibile di controcultura (più che a Berlino), la temperatura media annua è circa 8°, ci sono pochissimi italiani, e me la cavo piuttosto bene col tedesco. E non conosco nessuno.
È la mia occasione per staccarmi dall’abitudine, dalla routine, per vivere come non ho mai fatto prima. Soprattutto per vivere da sola, contando solo sulle mie risorse.
Troppe persone vivono passivamente i cambiamenti, o non hanno il coraggio di affrontarli.
A 21 anni per me è un gran bel salto di qualità.
Lasciarsi tutto alle spalle mi suona troppo simile a scappare, e io non sto scappando. Semplicemente dopo aver risolto molte questioni personali, per me si è reso necessario un cambiamento del genere. No remorse.
Cosa ho intenzione di portare di mio? Di preciso non ne ho idea, tutta me stessa!
Non so cosa aspettarmi, a parte i miei progetti individuali (lavoro/studio) il resto lo scoprirò solo quando sarò lì.
Intanto mi sono già segnata un paio di concerti bombetta all’Hafenklang, da qualche parte dovrò pur iniziare :)


(nota: le foto di contorno all'intervista sono scelte in maniera casuale, ma anche no. Ci sarebbero dovute essere altre domande/risposte, ma aggiungerò il tutto solo dopo che sarà passato un po' di tempo dalla sua calata in terra tedesca.
auguri Giulia, mi mancherai)

DISARM "mustard gas" LP (repost w/new download link)


Another one man band.
This time from Firenze, Italy.
1 part grindcore, 1 part epic metal, 1 part digital grindcore.
Sounds weird? Well, wait to listen yourself for the final result!

I think this record has never got the right attention it deserves.
(Originally, these songs were included on the cd only release RAILROAD TO APOCALYPSE compilation, a 6 ways split including VERGE ON REASON, BUD JUNKEES, ALIENACJA, MATKA TERESA & SPLEEN).

12 songs of apocalyptic grindcore madness played by Borys (axeman for Giuda, and a shitload of other bands/projects).
Do you want to know how a kindergarten's teacher would play some grindcore full of socio-political comments?
Well, you are only one step far from it.

As usual, I suggest you to buy the vinyl format: you'll have a full senses experience.

this is the CONTACT link

this is the DOWNLOAD link
http://www.mediafire.com/?m09dsk4y6e8d9uy


                                                       
(this one was originally published on 23/06/2009)

martedì 10 settembre 2013

I don't want to go to work, i just wanna...

...spend the whole day lying on my bed while listening to noisy punk.
So, while you are waiting for the great CIAULI interview, listen to some blasting stuff.
Now, i gotta go to work.





and carsten's new band CRACK UNDER PRESSURE, you can find their demotape here



+ENJOY AND FUCK WORK SLAVERY+

giovedì 5 settembre 2013

EAST BAY GRINDCORE

Just discovered this blog. Where have i lived in the last years???

Seems like a great music blog about...well, find it yourself.

Enjoy!
http://students.expression.edu/lmw1btofficer/

mercoledì 24 luglio 2013

+HIRS+ the first 100 songs LP version



Just discovered them on the May issue of Maximum Rocknroll. 
It's a two men band, from West Philadelphia; vocals + guitars, electronic drums and effects. 
They play a mix of grindcore, powerviolence and noisecore; they label themselves as a "fast queer band". The singer plays dressed as a woman, and one big issue for them is a "queer vs. cops" attitude; and definitively, i like it!

Finally, after a long search, i've found a new fast band that excites me so much. 
I am looking forward to get this one on a physical format, 100 songs Lp is just incredible!

They got a song called "dimebag" that lasts 2:30 minutes where they glued together the best of Pantera tunes, and the end result is simply great. 
Many many coversongs included, from Scholastic Deth to Jenny Piccolo   to Asterisk to Xbrainiax so you know this shit is real and fuckin' SMOOOOKES!

The fact they are using a drum machine it's not a big issue; their songs are precise, angry and aggressive but, mostly, varied. You never get the feel of boredom, on the contrary their lyrical and musical structures are genuinely diverse and imaginative.

I uploaded their record on mediafire, enjoy it.

+HIRS+ the first 100 songs

facebook page



and never forget to buy a copy of MAXIMUM ROCKNROLL! 
It's distributed in Italy by AGIPUNK RECORDS

 http://maximumrocknroll.com/

http://www.agipunk.com/indexframeset.htm